fbpx

Ho deciso di condividere  il metodo con cui costruisco luoghi memorabili, luoghi che entrano nel cuore delle persone con facilità e ci rimangono. Perciò ti condurrò lungo un percorso dove ti mostrerò gli elementi che creano una esperienza memorabile.

RICORDARE UN AMBIENTE DIPENDE DA QUANTO E’ IN GRADO DI IMPRESSIONARE.

Immagina tutte le volte che sei stato invitato da amici in un posto che li esaltava ed in te non scattava nessuna attrattiva. Non ti è sembrato strano? Magari un po’ deludente. Troppe volte le persone sanno di vivere in case in cui pensano di stare bene, ma non si sentono in sintonia, non si sentono a proprio agio, e questo delude rispetto quello che si aspettavano o all’idea che si erano costruiti. La sensazione più ricorrente è quello di non sentire la casa come un rifugio.

Lavorando mi sono resa conto che basarmi solo sulle richieste estetiche che le persone esprimevano non era sufficiente per soddisfare le loro esigenze di vivere uno spazio in cui sentirsi identificati.

L’elenco delle caratteristiche che abbiamo a mente sono quelle che riteniamo siano di valore. Le identifichiamo come importanti, probabilmente sono le più pubblicate da riviste o siti on-line, ma è frequente che non rispondano all’esigenza emozionale. Ed è ciò che emerge durante la progettazione, si attivano emozioni che tendono a spostare l’idea iniziale, ma vanno considerate.

E’ capitato anche a te?

CIO’ CHE ESTERNIAMO CON LA RAGIONE HA UN IMPATTO  LIMITATO

Ci sono passioni che coltivo da tempo e praticamente mi hanno dato numerosi strumenti per migliorare il gradimento dei progetti che propongo.

Grazie a ciò ho traggo informazioni aggiuntive con cui realizzo luoghi con connessioni autentiche, che soddisfano bisogni funzionali e non solo, perché imprimo significati e memorie personali nel progetto.

LO SPAZIO NON E’ MAI NEUTRO

E’ un dato scientificamente provato. Lo spazio influenza sempre lo stato emozionale delle persone. Attraverso il movimento  si genera un’interazione, un sistema di sensazioni tra lo spazio che ci circonda e noi stessi. 

Una ricerca finlandese dell’Università di Tampere e della Aalto University, mostra come le emozioni sono associate a varie le parti del corpo e scoperto come la mappa sia universale, indipendente dalla cultura di appartenenza.

L’ESPERIENZA PRODUCE EMOZIONI

A seguito dell’esperienza fisica si attivano stimoli che si collegano alla nostra “biblioteca” emozionale, così si ancorano i ricordi. Più lo stimolo è impattante più è forte il legame che si crea con lo spazio circostante tanto da rimanere impresso e creare una connessione.  

 Quando lavoro  indago e realizzo queste connessioni, evoco la sensazione che il cliente desidera provare in un certo luogo attraverso il design. Considero i valori importanti e così genero una relazione emozionale tra ambiente e persone, così gli utenti creano un ricordo del tutto personale.

Ora sai perché in certi posti stai benissimo e da cosa deriva.  Nei prossimi appuntamenti vedremo come tutto ciò si connette alla progettazione.

Categories:

4
Lascia una recensione

avatar
2 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
Cristian TorsanicdnstudioPaola Minetti Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Paola Minetti
Ospite
Paola Minetti

Beh cosa dire? che l’amica Eleonora avesse una marcia in più lo sapevo, lo avevo capito ma non avrei saputo spiegarlo meglio di come lo abbia fatto lei in questa presentazione: la marcia in più è l’anima, il saper cogliere le emozioni degli altri, l’essere sensibile a queste emozioni, cogliendole e trasformandole in ambienti che siano confortevoli ed anche di più, che siano veramente tuoi, dove tu ti senta a tuo agio come se li vivessi da sempre. Questo è indice di una grande sensibilità, saper cogliere le emozionii profonde degli altri, è un dono e una capacità al contempo… Leggi il resto »

cdnstudio
Admin

Sono davvero felice del tuo commento e felice di esserti amica. Conosco il tuo valore e profondità, questo aumenta la mia gratitudine..

Cristian Torsani
Ospite
Cristian Torsani

Devo ammettere che in questo Blog hai proposto un nuovo concetto del progettare :capire affondo il tuo interlocutore,con diverse tecniche “emozionali”, e progettare ciò di cui una persona sente veramente il bisogno.
Molto interessante questa idea che potrebbe essere anche definita progettazione pedagogica.
Splendido lavoro ,complimenti.

cdnstudio
Admin

Cristian apprezzo molto il tuo commento. Hai centrato il mio interesse a costruire un ambiente sulle emozioni delle persone che attivi sensazioni positive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi sui Social